Gli interraconcime SLM sono una combinazione di due attrezzature, ossia permettono lo spargimento del concime/seme e l’interramento dello stesso. Possono essere dotati di lame sottili, che interrano il concime effettuando una minima apertura del terreno, seguite da ruote indipendenti e ammortizzate, che permettono di ripristinare l’apertura creata dalle lame. Lame spesse, che interrano il concime e consentono nello stesso tempo di effettuare una lavorazione mecchina del terreno, seguite da rullo a gabbia che consente di frantumare le zolle di terra, che è regolato da pistone idraulico o terzo punto a vite. La vasca ha una capienza di 400 litri ed è costruita in acciaio inox 316 per evitare corrosioni e usure della stessa; è costituita da griglia di protezione, miscelatore e a richiesta separatore, che consente di utilizzare due tipi di concimi/semi nello stesso tempo. Le macchine sono dotate di due ruote di appoggio per stazionamento statico e regolazione profondità dell’altezza di lavorazione. Per la fuoriuscita del concime sono presenti cinque bocchette regolabili singolarmente.

Il dosaggio del concime è effettuato tramite

  • la regolazione rotelle delle bocchette, che consentono il passaggio di concime/seme di diverse grandezze (concime granulare, micro granulare, pellettato e organico e sementi di vario genere)
  • la regolazione della leva delle bocchette che consente di modificare la portata della caduta del concime
  • la regolazione tramite numero di giri della PTO della trattrice, che regola la velocità di rotazione delle rotelle della bocchetta e del miscelatore all’interno della vasca.

Tra i vari vantaggi, l’uso degli interraconcime permette di localizzare gli elementi nutritivi con il conseguente pronto assimilo ed un giusto dosaggio evitando perdite di prodotto eccessivo, come avviene con il sistema a spalio. Inoltre grazie all’interraconcime è possibile azzerare la dispersione del concime generalmente trascinato a valle dalle intemperie. Altri punti di forza sono: la riduzione dei costi di esercizio; concimazione ed interramento anche nei periodi primaverili ed estivi e quindi nessuna perdita per evaporazione con clima caldo dell’elemento azotato, in particolare quello nitrico; la possibilità di concimazione di fondo per le colture a indirizzo biologico (es. sostanze organiche).

Modello Larghezza Numero lame Peso
Vigneto e frutteto 150 cm 2+3 su due linee 520 kg
Noccioleto e vigneto inerbito 160 cm Da 1 a 5 su una linea 450 kg